Matteo Sericano e il suo progetto

Matteo-Sericano-photo-Matteo-Sericano-e-il-suo-progetto-079
Matteo-Sericano-photo-Matteo-Sericano-e-il-suo-progetto-045

Sono Matteo Sericano, ho 20 anni e studio filosofia all’università di Genova. Navigo da quando avevo 6 anni e da allora il mare è un richiamo fortissimo, mi fa sentire in pace con me stesso, sereno, mi spinge a mettermi alla prova e a dare sempre il meglio di me. Sono determinato a rincorrere il mio sogno, intraprendere la carriera di navigatore solitario, portando alti i valori etici di difesa del ambiente e del mare, e per farlo il primo step non può che essere la Mini Transat.

A 7 anni ho cominciato l’attività agonistica dapprima sugli Optimist, poi su 420 e 470 la classe olimpica. Fin da giovanissimo ho avuto la fortuna di regatare con alcuni tra i migliori professionisti Italiani quali Pietro D’Ali e Alberto Bona imparando da loro aspetti tecnici e sportivi.

Negli anni continuo sulle classi derive , nei circuiti Melges e Smeralda 888 e partecipo a diverse competizioni quali la 151 Miglia, la Giraglia Rolex Cup e la Coppa del Rey. Nel 2016 affianco Alberto Bona nella preparazione del suo prototipo ITA756 come membro del suo shore team. Nello stesso anno divento boat captain del Class 40 Magalè che Bona ottiene da Giovanni Soldini. Nel 2017 Alberto Bona e Andrea Fantini mi scelgono come preparatore del loro Class 40 “Enel Green Power” per realizzare con il team importanti modifiche strutturali e tecniche ideate dal progettista Guillaume Verdier in vista della Transat Jaques Vabre 2017.

Video

Matteo Sericano Mini Transat 2019